Prenoti ora

L'età dei bambini (al momento dell'arrivo)

Applica

I nostri servizi

  • Avete qualche dubbio o domanda?
  • Piazza Principale 839052 CaldaroAlto Adige/ITALIA
  • T. +39 0471 963 169F. +39 0471 963 469E. info@caldaro.info
  • Orari d'apertura 6 aprile – 3 novembre 2019Da lunedì a venerdìDalle ore 8 alle 12.30 e dalle ore 13.30 alle 18Luglio ed agosto giovedì dalle ore 13.30 alle 22SabatoDalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle ore 14 alle 18Domenica e giorni festiviDalle ore 10 alle 12

Prenoti ora

L'età dei bambini (al momento dell'arrivo)

Applica

L'elenco delle mostre a Caldaro

Data Mostra Luogo ed orario d'apertura
dal 12 aprile al 11 maggio 2019 Mostra di "Ekaterina Shapero-Obermair (Austria) e Martina Steckholzer (Alto Adige)"
Pittura, oggetti, grafica
Galleria "GefängnisLeCarceri"
Vernissage: 11 aprile 2019
MA-DO ore 10.30-12/17-19
dal 24 maggio al 22 giugno 2019 Mostra di "Nora Schöpfer (Austria) e Heidrun Widmoser (Alto Adige)" Galleria "GefängnisLeCarceri"
Vernissage: 23 maggio 2019
DI-SO 10-12 Uhr / 17-19 Uhr
dal 19 luglio al 17 agosto 2019 Mostra di "Erik Hable (Austria) e Werner Gasser (Alto Adige)" Galleria "GefängnisLeCarceri"
Vernissage: 18 luglio 2019
MA-DO ore 10.30-12; ore 17-19. GIO ore 19-22
dal 30 agosto al 28 settembre 2019 Galleria "GefängnisLeCarceri"
Vernissage: 29 agosto 2019

Informazioni in merito alla mostra degli artisti "Erik Hable e Werner Gasser" dal 19 luglio al 17 agosto 2019

Stardust

Stardust, in italiano polvere di stelle, un materiale del quale praticamente siamo fatti. Stardust si chiamava il grande albergo a Las Vegas che ormai è stato abbattuto ma che ancora oggi è leggenda. Conosciuto e famigerato per la sua grandezza e per le sue storie poco trasparenti e nel quale Martin Scorsese girò il suo film „Casino“. Stardust si intitola anche la mostra di Werner Gasser e Erik Hable nella galleria GefängnisLeCarceri.
La mostra include installazioni con lametta e piume di struzzo ma anche fotografie e ornamenti. Le installazioni di lametta sono state elaborate in bronzo, oro e fucsia e si estendono su tutto il giro scale espandendosi fino all’area esterna. Giocano con l’insignificanza estetica e il contenuto vuoto di glitter e glamour scadente e trasformano il vecchio carcere nella parodia di una casa residenziale barocca. Il motto di vita del pianista flamboyantee entertainer di Las Vegas Liberace „To much is not enough“ (Troppa grazia è fantastica!) è stato messo in pratica in modo dissipato e ironico.
Nelle opere fotografiche di Werner Gasser col titolo “La zia nella tazza” non è importante l’apparenza ma la messa in scena privata. Le fotografie mostrano la la vetrina di una signora di un paese del sud oramai defunta. Un piccolo museo individuale con oggetti di porcellana, statuette di santi e una tazza nella quale è custodita la fotografia della signora. Come in una serie di cartoline „to be continued“ e la serie delle „immagini proibite“ non è lo straordinario, il drammatico ma sono le cose quotidiane ad attirare lo sguardo di Gasser. La gerarchia accordata dello sguardo che distingue fra importante e meno importante è abolita.
Erik Hable si confronta con la storia ornamentale e le sue forme transculturali. Che si tratti di ornamenti di pittura contadina alpina o di decorazioni di persone con una storia di migrazione, l’ornamento è sempre un’area di proiezione per il concetto di patria. Cosa può però succedere se si priva questi concetti delle loro radici di patria e vengono usati come oggetti strutturali formali? Hable usa il linguaggio simbolico dell’ornamento tradizionale astraendo dettagli, li installa nell’area architettonica e lascia oscillare questi dettagli fra conoscenza e stupore.